SCEGLI IL PROCESSO

step-01 step-02 step-03 step-04

FILM DI CONFEZIONAMENTO

I sacchetti a cuscino d’aria sono il formato di confezionamento per snack più diffuso al mondo.

Lo snack è normalmente considerato un prodotto di consumo “a impulso”. Secondo recenti sondaggi, un sacchetto accattivante può pesare fino al 50% sulla scelta dello snack durante il primo acquisto da parte di un consumatore.

In merito a quanto sopra, un SACCHETTO dovrebbe avere le seguenti caratteristiche:

  • Capacità di attirare l’attenzione del consumatore in termini di marchio, dimensioni, colori utilizzati;
  • Costituire un’elevata barriera contro l’umidità per mantenere il prodotto fragrante e croccante il più a lungo possibile. Esso deve inoltre garantire un’elevata barriera contro l’ossigeno e i raggi UV, che svolgono un ruolo importante nel processo di degradazione ossidativa dell’olio che porta poi all’irrancidimento precoce del prodotto. In altre parole esso svolge un ruolo importante per conseguire un’adeguata vita utile al prodotto confezionato;
  • Garantire una buona protezione all’integrità del prodotto.

In generale, il film del sacchetto si ottiene per accoppiamento di diversi strati di materiali polimerici. Di comune uso è un film composto da polipropilene bi-orientato, e questo ha la possibilità di avere la superficie interna metallizzata, per conseguire una maggiore protezione contra la migrazione dei gas e della luce.

Il grado di protezione garantito dal film è il risultato di una combinazione di fattori: spessore degli strati, eventuale presenza di uno strato barriera contro i gas, metallizzazione, finestre trasparenti, colori.

La vita utile del prodotto è influenzata da vari elementi: design della friggitrice , tipo di olio utilizzato in frittura, conduzione del processo e, non ultimo, dalla qualità del film di confezionamento.

Qualora il clima locale sia caratterizzato da condizioni ambientali critiche (elevate temperatura ed umidità), è consigliato posizionare l’impianto di confezionamento in un locale climatizzato, e iniettare del gas azoto all’interno del sacchetto prima della sua chiusura. A tal fine un impiantino per la produzione ed iniezione di gas azoto dev’essere disponibile nel sistema di confezionamento. Con una buona gestione dei sopracitati elementi si consegue una vita utile dello snack finito da pellet di circa 6 mesi. Una vita utile più lunga può essere ottenuta applicando in modo ottimale tutte le procedure descritte.

MATERIALE DI CONFEZIONAMENTO

hp_rotoprint
hp_ppc
hp_printpack
worldpack
mach

PROGETTAZIONE PACKAGING

NETBRAND
Search MAFIN SRL Snack Pellets